Negli USA premi per chi decide di vaccinarsi

Se in Italia sono i vaccini a mancare, negli Stati Uniti il problema sembra esattamente inverso, ovvero latita la volontà dei cittadini, evidentemente preoccupati per le possibili controindicazioni.
A dimostrare quanto sta accadendo sono i tanti premi promessi a livello istituzionale per spingere la popolazione a vaccinarsi. L’ultimo esempio in tal senso arriva da New York, ove il sindaco Bill De Blasio ha deciso di presentarsi in conferenza stampa mangiando patatine e hamburger, promettendo voucher gratuiti per il loro acquisto a chi decide di sottoporsi all’iniezione.
Una iniziativa che però può essere considerata goliardica rispetto a quanto è accaduto in Ohio. Ove il governatore Mike DeWine ha addirittura dato vita ad una lotteria riservata a tutti i vaccinati. Nel corso della quale saranno estratti cinque premi da un milione di dollari, tesi con tutta evidenza ad infrangere le resistenze degli adulti all’idea di vaccinarsi. Le estrazioni inizieranno il prossimo 26 maggio.
Lo stesso governatore ha anche messo in palio cinque borse di studio per un corso universitario, in favore dei giovani che decideranno di sottoporsi al ciclo vaccinale.
Anche la Cina, però, sembra muoversi lentamente, nonostante l’abbondanza di vaccini. Per cercare di ovviare, a Pechino, sono comparsi cartelli in cui si promette il buono per un gelato gratis a chi è in grado di esibire il certificato di avvenuta vaccinazione. Mentre gli ultrasessantenni che completano il ciclo vaccinale con la seconda puntura, sono premiati con due confezioni di uova fresche. In tal modo si spera di non dover usare metodi coercitivi per spingere i cinesi a premere sull’acceleratore e ovviare a numeri al momento non esaltanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *