L'Associazione
Europa
Istituzioni
Guida del Cittadino
ottobre 2010 - Circolazione stradale

Dal 9 settembre 2009 chi consegue la patente di categoria "C", per guidare autocarri pesanti, cioè per fare i camionisti, oltre alla patente "C", che è comunque abbastanza impegnativa, deve affrontare un corso di 140 ore, quasi completamente teorico, infatti vi sono solo 10 ore di guida senza esame, ma vi è un esame di teoria. Queste 140 ore devono essere certificate mediante firme apposte all'entrata e all'uscita da ogni singola lezione da tenere in autoscuola.
Le lezioni sono tante, almeno una cinquantina (140 ore, con lezioni da 3 ore l'una). Il costo si aggira intorno ai 2.000 € oltre ai circa 1.000 € della patente "C".
I titolari di più autoscuole a cui mi sono rivolto mi hanno detto che da settembre del 2009 non hanno praticamente più iscrizioni ai loro corsi causa i costi elevati e l'impegno enorme che gli stessi comportano per i candidati (chi ha famiglia e lavora è in grande difficoltà). Io quindi ho abbandonato l'idea di cercare lavoro come camionista (pur avendo già chi mi assumeva) fino a quando un mio conoscente, cittadino Rumeno, è andato 1 mese in Romania, in agosto 2010, ed è tornato con patente "C" e C.Q.C.
Allora la domanda sorge spontanea: la Romania non ha la stessa regola Comunitaria dell'Italia riguardo le patenti di guida, visto che la "C.Q.C" è una patente istituita dalla Comunità Economica? (Direttiva 2003/59/CE del Parlamento Europeo).
Cercando di informarmi meglio ho saputo che anche in Germania non è così impegnativa la "C.Q.C." come in Italia!
La Motorizzazione Italiana nel suo sito pubblica le statistiche patenti annuali, alla voce patente "C" nel 2009 riporta circa 78.000 patenti conseguite, e chi è titolare di scuole guida mi ha confermato che nel 2010 saranno poche decine di migliaia, dato che non hanno più clienti.

Ma noi Italiani dobbiamo proprio rimanere tagliati fuori dal mondo del lavoro?
Mi chiedo; ma se da noi è complicato, anche nel resto d'Europa lo deve essere; se nel resto d'Europa non è complicato, anche da noi non lo deve essere! Creare disparità non è giusto!!!
La mia domanda è: Fuori dall'Italia si segue lo stesso iter per conseguire la CQC o è realmente più semplice, ogni paese fa come crede meglio o c'è uniformità di applicazione delle leggi Comunitarie?
 

Associazione senza fini di lucro "Europa dei Diritti" - via Guicciardi, 7 - 42100 Reggio Emilia - Fax 0522 019966 - email: info@europadeidiritti.com
Recapito U.E.: Rue Abbe Cuypers, 3 - 1040 Bruxelles - Belgium - Costituita con atto pubblico il 16/01/2004, notaio Dolores Maria Scafa di Reggio Emilia - Codice Fiscale 02084370358