L'Associazione
Europa
Istituzioni
Guida del Cittadino
Queste sono le segnalazioni relative a
Vita Sociale
ottobre 2012

 Sono una disabile della provincia di Treviso e desidero
segnalare quanto mi è l’estate scorsa mentre ero in ferie a XXX (VE).

Nella mia macchina era esposto il tesserino invalidi, nonostante questo mi sono trovata una multa.

maggio 2011

Mi chiamo Raffaela e sono sulla sedia a rotelle perchè sei anni fa sono stata investita da una macchina mentre ero in bicicletta. Essendo rimasta una persona consapevole del fatto che la vita è un bene prezioso da vivere con CORAGGIO, GIOIA, DIGNITÀ, mi trovo a lottare con la continua maleducazione della gente e delle istituzioni

marzo 2011

"Gli alunni figli di lavoratori stranieri residenti in Italia che abbiano la citadinanza di uno dei paesi membri della Comunità europea sono iscritti alla classe della scuola d'obbligo successiva, per numero d anni di studio, a quella frequentata con esito positivo nel paese di provenienza"  (D.P.R. 722/1982)

 

luglio 2010

Vorrei porre l’attenzione sugli innumerevoli modi di pagare l’abbonamento alla RAI TV. 

maggio 2010

Vi racconto l'ennesimo spreco di denaro pubblico e la presa per i fondelli da parte dei Carabinieri di XXX (BG). 

gennaio 2010

Scrivo a nome di una famiglia albanese emigrata in Italia più di dieci anni. 

dicembre 2009

Calendarizzazione Proposta di Legge Previdenza Vigili del Fuoco Volontari Italia 

dicembre 2009

In questi anni si fa un gran parlare di privacy delle persone, ma a mio avviso il garante dovrebbe tenere presente che garantendo l'anonimato di chi telefona celando il proprio numero, non fa altro ché garantire la sua privacy, mentre non garantisce quella di chi riceve un disturbo continuo da chi lo vuole molestare. 

agosto 2009

Desidero segnalare il continuo abbaiare notturno di due grossi cani da guardia, un rottweiler ed un dobermann, ed è praticamente impossibile avere un sereno riposo notturno, in quanto con questi animali è un susseguirsi di abbaiare al minimo rumore, inoltre non c'è recinzione a norma: c'è una rete di circa 1mt e 20 installata dal sottoscritto, quando i cani non c'erano.
Ora diventa molto difficile stare nel proprio giardino, in quanto anche noi abbiamo due piccoli cani, un barboncino ed un yorkshare di 1 kg e mezzo, e gli altri cani appena sentono i nostri cagnolini, si lanciano verso la rete in modo impetuoso, così non ci resta che andarcene da un'altra parte.
Ho segnalato più volte alla proprietaria della casa di provvedere a mettere una recinzione più sicura, ma mi risponde che devo contribuire alla spesa della rete ed all'installazione, cosa che credo non vada bene, in quanto i cani sono i suoi, ed è lei che deve tutelare e tutelarsi.
Per ragioni di buon vicinato ho sempre sopportato, ora non è più il caso. Mi sono rivolto all'ASL salute pubblica, mi hanno risposto che devo fare ricorso al Sindaco del Comune, che a sua volta sarà lui a dare disposizione alla Veterinaria dell'ASL di intervenire.
Ancora non ho fatto ricorso a quanto mi hanno detto, vorrei che queste cose si risolvessero pacificamente senza dover ricorrere alle autorità.

luglio 2009

Riportiamo, come richiesto da un nostro associato, un articolo apparso il 30/07/2009 sul quotidiano La Repubblica:

 

"Mezzogiorno, famiglie di quattro persone con due figli, nuclei familiari con a capo un lavoratore autonomo e persone al di sotto dei 45 anni: ecco le principali vittime della povertà assoluta secondo la fotografia scattata dall'Istat e relativa al 2008.
Il rapporto presentato oggi a Roma dall'Istituto di statistica ha cifre allarmanti: lo scorso anno in Italia 1.126.000 famiglie è risultato in condizioni di povertà assoluta, per un totale di 2.893.000 persone, pari al 4,9 per cento dell'intera popolazione.
Quasi 5 italiani su 100 possono essere considerati "i poveri tra i poveri" dal momento che non possono avere uno standard di vita minimamente accettabile. In totale sono 8 milioni e 78mila le persone povere in Italia, il 13,6 per cento dell'intera popolazione.
Le famiglie che si trovano in condizioni di povertà relativa sono stimate nel 2008 in 2 milioni e 737mila (11,3 per cento). Il fenomeno è maggiormente diffuso al sud (23,8 per cento), dove l'incidenza di povertà relativa è quasi cinque volte superiore a quella del resto del Paese.
La percentuale di famiglie relativamente povere (la soglia di povertà per un nucleo di due componenti è rappresentata dalla spesa media mensile per persona che nel 2008 è risultata pari a 999,67 euro), riferisce l'Istat, è comunque sostanzialmente stabile negli ultimi quattro anni e immutati sono i profili della famiglie povere. Il fenomeno è stabile rispetto al 2007 a causa del peggioramento osservato tra le tipologie familiari che tradizionalmente presentano un'elevata diffusione della povertà e del miglioramento della condizione delle famiglie di anziani.
L'incidenza di povertà risulta però in crescita tra le famiglie più ampie (dal 14,2% al 16,7% tra quelle di quattro persone e dal 22,4% al 25,9% tra quelle di cinque o più), soprattutto per le coppie con due figli (dal 14% al 16,2%) e ancor più tra quelle con minori (dal 15,5% al 17,8%). In aumento la povertà nelle famiglie di monogenitori (13,9%), nei nuclei con a capo una persona in cerca di occupazione (dal 27,5% al 33,9%), tra quelle che percepiscono esclusivamente redditi da lavoro, e cioè con componenti occupati e senza ritirati, (dall'8,7% al 9,7%) e ancor più tra le famiglie con a capo un lavoratore in proprio (dal 7,9% all'11,2%).
Soltanto le famiglie con almeno un componente anziano mostrano una diminuzione dell'incidenza di povertà (dal 13,5% al 12,5%) che è ancora più marcata in presenza di due anziani o più (dal 16,9% al 14, 7%)."

luglio 2009

l Servizio Casa e Residenze Protette del Comune di xxx (regione Trentino Alto Adige, ndr) richiede ancora i contributi (che ho pagato sempre regolarmente- assieme ai miei due fratelli) ai parenti dei ricoverati, nonostante le sentenze del T.A.R della Lombardia, Toscana, Piemonte ecc. che hanno dato torto ai comuni. 

luglio 2009

A proposito di truffe a Roma: ho visto pure io far pagare ben 20,00 Euro, un misero gelatino di tre palline con cialda trilobata del tutto inqualificante e stantia.
Ma non è proprio possibile, segnalati questi esercizi, farli sparire dalla circolazione loro e tutti i loro aguzzini?? 

giugno 2009

Ho notato che molto spesso accade, non solo tra ragazzi ma anche tra persone adulte, di assistere all'utilizzo continuo di un linguaggio volgare e offensivo.  

giugno 2009

Siamo stati presso una piscina di Milano per le gare regionali. Nostro figlio fa parte di una squadra. Moltissimi ragazzi lombardi con relative famiglie sono confluiti nella struttura.
La sicurezza e l'igiene erano inesistenti e ciò è comprovato dal fatto che il temporale di domenica pomeriggio ha causato l'infiltrazione di acqua proveniente dal telone soprastante le piscine (completamente bucato, forato, strappato ovunque).
L'acqua entrava a dirotto dal tetto, arrivava nelle vasche della piscina; i muri sembravano cascate di montagna; i fili e le lampade venivano bagnati (rischio elettrico ).  

Associazione senza fini di lucro "Europa dei Diritti" - via Guicciardi, 7 - 42100 Reggio Emilia - Fax 0522 019966 - email: info@europadeidiritti.com
Recapito U.E.: Rue Abbe Cuypers, 3 - 1040 Bruxelles - Belgium - Costituita con atto pubblico il 16/01/2004, notaio Dolores Maria Scafa di Reggio Emilia - Codice Fiscale 02084370358